Archivi tag: Berlusconi

Diciotto anni fa…

Diciotto anni fa nasceva un grande progetto politico.

Un nuovo modo di fare politica.

Un nuovo linguaggio, accessibile e chiaro.

Un nuovo percorso, ispirato ai principi di libertà e democrazia.

Diciotto anni fa nasceva un sogno.

Il sogno di un’Italia più libera e responsabile, meno statalista e più equa.

Un’Italia produttiva e più vicina a chi ha bisogno.

Un’Italia che fosse il luogo giusto dove nascere, crescere, studiare, lavorare, creare una famiglia e affontare la vecchiaia con serenità.

Un paese  amato e rispettato, all’estero così come dai suoi cittadini.

Questo era il sogno che iniziava diciotto anni fa.

Molto è stato fatto, ma non tutto.

E con la stessa speranza di allora, con la stessa determinazione, con lo stesso coraggio, oggi continuiamo ad affrontare la sfida.

Perché i giovani, soprattutto i giovani, hanno ancora voglia di sperare e di credere.

Hanno voglia di lavorare per un’Italia più giusta, più democratica,  più ricca, più responsabile nei confronti dei più deboli, capace di supportare i talenti, aperta al dialogo e al confronto.

Ed è proprio oggi, in questo importante anniversario, che i giovani di centrodestra confermano ancora una volta la volontà di lavorare affinché il sogno diventi finalmente realtà.

Quei giovani, quelle ragazze e quei ragazzi che, da 18 anni a questa parte si sono avvicinati alla politica, hanno imparato ad avere rispetto per la res publica e a lavorare per la propria comunità e per l’Italia intera.

Quei giovani che grazie a Silvio Berlusconi hanno iniziato ad amare il proprio Paese.

E a credere che un’Italia diversa, è ancora possibile.

Forza, Italia!!!!


Annunci

Monti non vuole lacrime. Quindi piangiamo di nascosto.

20111205-225738.jpg

Chi mi conosce personalmente, ma anche chi ha imparato a conoscermi attraverso questo blog o semplicemente leggendomi su Twitter o Facebook, sa quante perplessità ho espresso sulla manovra economica voluta dal presidente Monti.
Perplessità come vice coordinatore nazionale di Giovane Italia ed eletta del PdL, abituata da sempre ad avere gran rispetto per il partito che rappresento ma al contempo abituata a ragionare con la mia testa.
Perplessità come presidente dei giovani amministratori lombardi, che di fronte a un già massacrante patto di stabilità vede il ritorno dell’Ici sulla prima casa senza che i relativi introiti possano in qualche modo dare “aria”ai comuni, o senza comunque vedere un minimo accenno alla tanto richiesta differenziazione tra amministrazioni virtuose e spendaccione.
Perplessità come singola cittadina e prima di tutto come figlia, abituata a seguire l’esempio dei propri genitori che hanno fatto della famiglia e del lavoro due valori fondamentali della propria vita.
Come giovane libera professionista e anche come rappresentante dei giovani, di quei giovani che, ancora una volta, non alzano la voce, non incendiano le città, ma che studiano, lavorano, si rimboccano le maniche e che guardano al proprio futuro con una diffidenza che nessun ragazzo della nostra età dovrebbe avere.
Perplessità perché ci aspettavamo tante cose, insieme ai sacrifici dei quali comunque eravamo “quasi” consapevoli: interventi a favore del lavoro giovane, con un nuovo regime di sgravi fiscali per le aziende che assumono, per quelle che investono in ricerca o in nuove tecnologie, o possibilità di interventi sull’accesso a linee di credito per la nuova impresa o per l’autonomia abitativa, ad esempio.
Eppure niente di questo é stato pensato.
Ma la cosa più assurda e da cui deriva la mia più vera perplessità é nel vedere che questa riforma, rigorosa e doverosa, non abbia tenuto realmente conto di quanto davvero richiesto dai cittadini: la lotta agli sprechi.
Perché se é vero che questa é una manovra da 30 miliardi di euro, personalmente mi sarebbe piaciuto vedere una composizione diametralmente opposta, data cioè da 18 miliardi di tagli ai costi inutili e “solo” per 12 di nuovi ( o incrementati) balzelli.
In realtà, il conto che ci viene oggi presentato é grave non solo in virtù dei sacrifici richiesti a tutti gli italiani, ma perché ancora una volta, anziché cercare di rammendare il buco, lo si copre con una bella pezza nuova, dove la “pezza nuova” fa rima con Imu, rivalutazione degli estimi catastali, aumento dell’addizionale regionale IRPEF e, dulcis in fundo, blocco della indicizzazione delle pensioni.
Questi sacrifici che come al solito gli italiani, dopo aver criticato e dopo essersi stracciati le vesti, accetteranno, avrebbero dal mio punto di vista un sapore diverso se avessimo realmente assistito a una chiara volontà di abbattere sprechi, privilegi e caste.
Ma questo segnale é mancato.
Mi si obietterà che una manovra finanziaria poco avrebbe a che fare con una proposta di riduzione del numero dei parlamentari, ad esempio, che tra l’altro necessiterebbe di un intervento in materia costituzionale.
Ma, vista la sagacia con cui, pur senza toccare l’immacolata Costituzione, il governo Monti é riuscito di fatto a svuotare le Province, immagino che, se avessero voluto, sarebbero riusciti a inventarsi qualcosa.
Magari niente di straordinario, magari anche semplicemente una revisione dei tanti piccoli (ma onerosi) privilegi che comunque costano allo Stato e che fanno tanta gola ai nostri onorevoli.
Ma sarebbe bastato poco, davvero pochissimo.
O perché no, anche solo una semplice svolta sul tema delle pensioni d’oro o sulle baby pensioni.
O, ancora, un’accelerazione in tema di dismissione del patrimonio dello Stato o degli enti locali, o, ancor meglio, di liberalizzazioni delle municipalizzate.

Ma ancora una volta, niente da fare.
Il rapporto, anche per il governo più tecnico del mondo, deve essere sempre a favore della spesa storicizzata, e quindi in favore di clientelismi e sprechi, e mai a favore di una razionalizzazione delle uscite.
Il rapporto quindi, 18 di tasse e 12 di tagli, resta ancora una volta a discapito del cittadino.

Monti ci aveva chiesto di non parlare di di lacrime e sangue.
Eppure le lacrime la Fornero ce le ha messe lo stesso.
Ora ci dicono che é tempo di semina.
Speriamo solo che tra non molto non ci sia chi ci razzia il raccolto.

20111205-225828.jpg


Il comunismo non c’é più. Però lo spettro della patrimoniale gli sopravvive

20111130-163524.jpg

Un no deciso alla patrimoniale

Pubblico, a uso e consumo degli appassionati di tasse e balzelli, ma anche di coloro che comunque nei prossimi mesi saranno (volente o nolente) interessati dalle misure anti-crisi del governo Monti, una veloce carrellata (tratta da il Mattinale di oggi) che spiega per quale motivo il PdL non potrà mai appoggiare un decreto contenete la tassa più iniqua fra le inique, ossia la patrimoniale.
Già il nome mi rievoca cose dal gusto antico e anche un po’ stantie.
Una sorta di madeleine scaduta che anziché portarmi alla proustiana “recherche du temps perdu”, mi fa dire “ce la siamo scampata bella già allora, vediamo di non ricascarci”.

Philip Kotler, guru del marketing e della comunicazione, diceva che “il mass marketing é morto. Ma la puzza di cadavere ci perseguiterà ancora a lungo“. Mai metafora fu più geniale perché perfettamente replicabile per spiegare come certe idee ( anche, anzi soprattutto quelle malsane) nostro malgrado sopravvivano nonostante l’evoluzione dei tempi e dei contesti storici.
Allo stesso modo succede in politica.
Nonostante, infatti, il buon Fausto Bertinotti non si veda più in giro da qualche tempo, da qualche parte dell’emiciclo politico continua a risuonare incessantemente la richiesta di introduzione della tassa sui patrimoni come unica arma letale per sconfiggere il mostro della recessione.
Oltre al “Masiampassi?” Crozza-bersaniano che mi esce dal cuore, il vero commento a questa proposta é contenuto nella sottostante lista dei no che, spero in modo chiaro e immediato, farà capire a molti il perché la patrimoniale non é la risposta ai problemi dell’Italia.
E se é vero che questo Governo é stato formato per rispondere alla crisi, allora é anche vero che questo dovrà attenersi al “vincolo di mandato” conferitogli dal Parlamento in rappresentanza del Paese.
L’alternativa, in questo caso non esiste.

Tutti i perché del no alla patrimoniale.

Alla vigilia della manovra da 20 miliardi che Monti si appresta a presentare, questo è un tema cruciale, che vale la pena approfondire

• Prima di tutto colpisce beni già tassati. Si tratta quindi di tassare due volte, cosa in teoria vietata dalla Costituzione.

Deprime le crescita e non ha effetti strutturali, generando una riduzione solo temporanea del debito pubblico.

• Come ha sottolineato Berlusconi, deprime il valore dei beni immobili.

• Genera effetti negativi sulla quotazione dei titoli e sui tassi di interesse.

Blocca gli investimenti e i consumi riducendo la liquidità disponibile e alimentando la fuga di capitali all’estero.

• Negli ultimi decenni si è ricorsi troppo spesso a misure una tantum che non hanno avuto alcun effetto positivo sul rapporto tra debito e pil. La patrimoniale sarebbe una di queste.

• Sarebbe un provvedimento anti-crescita perché diffonderebbe la falsa impressione che le riforme non sono poi tanto urgenti.

• E’ assurdo che si proponga un’imposta sul patrimonio intesa come imposta sui ricchi, perché in realtà, a causa dell’attuale carenza di sistemi di accertamento, il reddito dei ricchi derivante dai patrimoni è in larga parte sconosciuto.

• Un ulteriore prelievo sul risparmio scalfirebbe ancora di più il patto sociale tra cittadino risparmiatore e istituzioni, aumentando evasione ed elusione fiscale.

• La patrimoniale colpisce chi ha risparmiato e salva chi ha scialacquato: tra due famiglie con lo stesso reddito percepito per 30 anni quella che ha acquistato auto, gioielli e beni di ogni genere, spendendo tutto quello che guadagnava ora si troverà esentata da questo balzello, mentre quella che ha invece accumulato per acquistare degli immobili ora viene colpita dalla tassa, come se fosse una specie di punizione a chi ha osato risparmiare invece di consumare.

Non è un caso se né la Commissione europea, né la Bce né il Fondo monetario, nei loro diversi interventi non hanno mai chiesto all’Italia l’introduzione di un’imposta patrimoniale.

Il neogovernatore di Bankitalia Visco ha detto che la patrimoniale “ha un significato più politico che di gettito. In Francia infatti il gettito si è addirittura ridotto. E’ dunque una misura che non risolve i problemi di bilancio”. E Luigi Einaudi scrisse: “Nei Paesi dove le imposte sono davvero democratiche non si parla mai di imposte straordinarie patrimoniali”.


La straordinaria inutilità dei Governi di ammucchiata

A tutti quelli che…
Aspirano a sostituire con giochini di palazzo le scelte dell’elettorato, facendone dunque carne da macello.
A tutti quelli che…
Pensano che il ribaltone sia l’unico strumento per vere riforme strutturali.
A tutti quelli che…
Credono che minare l’attuale maggioranza di Governo, rendendolo instabile così come instabile è il paese intero, sia la risposta a tutti i nostri problemi.
A tutti quelli che…
Oggi antepongono il proprio interesse personale e politico all’interesse dell’Italia.

A tutti questi dedico questa riflessione, “rubata” a “Il Mattinale” di oggi.
Una riflessione semplice, una cronistoria di quanto siano inutili e costosi i cosiddetti Governi di larghe intese… Altrimenti pensati come Governi di ammucchiata.

Governo tecnico? Fallimentare, ecco i precedenti

La Prima Repubblica, che aveva molti difetti ma anche qualche pregio, governi tecnici non li ha mai voluti. Li considerava un esproprio della politica, l’unico mezzo attraverso il quale si esprimeva allora la volontà popolare.

Il primo governo tecnico si costituì infatti nel 1992 dopo il crollo della Dc e del Pci, sotto l’incalzare delle inchieste giudiziarie e delle stragi di mafia. E soprattutto nel pieno della crisi economica che investì la lira. La politica impotente consegnò al “dottor sottile” le chiavi di casa.

Amato non si fece pregare. Nel luglio ‘92 attuò il famigerato prelievo notturno del 6 per mille sui conti correnti; e poi un secondo prelievo del 3 per mille sul valore catastale rivalutato degli immobili e delle aree fabbricabili. Se la prima operazione fu una tantum, la seconda, chiamata Isi (Imposta straordinaria sugli immobili), si tramutò nell’Ici e divenne un balzello stabile, che solo il centrodestra ha prima ridotto e poi abolito.

Ma non solo. Il governo Amato, in carica dal giugno ‘92 all’aprile ‘93, non riuscì neppure ad utilizzare al meglio quei soldi rapinati ai cittadini: a settembre la lira subì una pesante svalutazione, nonostante il tentativo di contrastarla della Banca d’Italia (dove era governatore Carlo Azeglio Ciampi) che sacrificò 70 mila miliardi di riserve valutarie.

Qualcuno ricorda i ministri di Amato? Alla Giustizia si alternarono Claudio Martelli e Giovanni Conso: quest’ultimo ha recentemente ammesso di avere trattato con i boss di Cosa Nostra. Le porte girevoli ai ministeri furono una costante, con Amato costretto a prendere e lasciare numerosi interim. Agli Esteri se ne alternarono tre in un mese (Scotti, Amato e Colombo); al Bilancio due (Reviglio e Andreatta); alle Finanze tre (Goria, Reviglio e Amato); all’Agricoltura due (Fontana e Diana), come alla Sanità (De Lorenzo e Costa) e all’Ambiente (Ripa di Meana e Spini). Insomma: dopo aver imposto sacrifici ai cittadini il governo tecnico di Amato fece il record di poltrone e lasciò tutti i problemi intatti.

Dopo Amato venne Ciampi, per 377 giorni. Vincenzo Visco, alle Finanze, si alternò con Gallo; Paolo Savona, all’Industria, con Paolo Baratta. Rutelli, all’Ambiente, con Valdo Spini. Luigi Berlinguer, all’Università, con Umberto Colombo. All’Istruzione andò l’indimenticabile Rosa Iervolino, che tanto bene avrebbe fatto come sindaco di Napoli. Mentre Ciampi tentava di incollare i cocci, il Pds erede del Pci si scaldava per le elezioni, sicurissimo di vincerle. Sennonché arrivò Silvio Berlusconi…

Il terzo governo tecnico fu quello di Lamberto Dini. Nato dal ribaltone, ebbe l’incarico di fare la riforma delle pensioni. Che portò a termine, in versione blanda, dopo che quella molto più incisiva tentata da Berlusconi fu abbattuta dalla sinistra e dalla Cgil. Dini, ex ministro di Berlusconi, fu compensato dall’Ulivo come ministro del Tesoro. È un uomo competente, che la sinistra non ha mai considerato proprio (ed infatti è tornato nel Pdl). Ma non si può dire che abbia risolto i problemi economici dell’Italia.

Romano Prodi gli succedette nel ‘96, con un governo politico. Portò l’Italia nell’euro, cercando fino all’ultimo di ritardare l’ingresso e alla fine ottenendo dalla Germania un prezzo-capestro. Del quale stiamo ancora pagando le conseguenze. Dimenticavamo: Amato e Ciampi presero l’Italia con un debito pubblico al 105% e lo lasciarono al 121. Dini lo “ridusse” dal 121,5 al 120,9.

Tratto da “il Mattinale” del 7 novembre 2011


Se questo è un funerale, ho sbagliato abito.

Nel giorno in cui il comitato anti porcellum deposita in Cassazione 1.210.000 ( ebbene sì, unmilioneduecentodiecimila) firme per abrogare l’attuale legge elettorale, il Popolo della Libertà lombardo si è dato appuntamento all’Ata Hotel di Pero per la prima Assemblea Regionale degli Eletti.

Un appuntamento atteso da oltre tre anni.
Un momento di riflessione richiesto da molti e accolto da molti di più.
Un pomeriggio di lavoro che pone al centro un unico ambizioso obiettivo: far ripartire il grande motore del partito.

Immagino già i primi commenti di chi legge.
Mi sembra quasi di sentire l’ilarità con cui alcuni potrebbero interpretare queste parole.
Alcuni detrattori, quelli schierati, sicuramente, ma anche tanti che detrattori non sono o, almeno, non dovrebbero esserlo.
Amici che per anni hanno avuto non tutto ma sicuramente tanto dal partito.
Amici che per anni hanno avuto l’opportunità di essere candidati ed eletti attraverso il simbolo di questo partito.
Amici che, grazie a questo simbolo, hanno avuto importanti ruoli nelle amministrazioni comunali, provinciali, e anche più su, regionali e di Governo.
Amici che, però, oggi, nel momento più difficile per il nostro paese e per il nostro movimento, si nascondono dietro al demoralizzante “non c’è più niente da fare” o al “è troppo tardi per porre rimedio”.
Amici che, oggi, non sono più tali.
Sono proprio questi i detrattori interni, coloro che, ignobilmente, non si sentono in dovere di restituire qualcosa a quel partito che tanto ha dato loro.
Sono proprio questi i soggetti che, anziché darsi un obiettivo e perseguirlo, si siedono su comodi scranni e criticano o ancor peggio scherniscono quelli che al contrario cercano di trovare soluzioni.
Sono proprio questi quelli che fanno male al partito.
Sono questi quelli che, con il loro pessimismo e lassismo, fanno male in generale.
Sono quelli che, come giustamente diceva qualche giorno fa il segretario nazionale Angelino Alfano, devono farsi da parte. Non mettendosi a bordo campo, aggiungo io, ma uscendo proprio dallo stadio.
E questa è solo una delle condizioni necessarie per il rilancio. Necessarie ma non sufficienti, perché serve molto, moltissimo altro da coloro che, invece, nella rinascita ci credono.

La rinascita, appunto.
Fa strano ammettere che uno dei partiti più giovani del panorama nazionale italiano abbia bisogno di parlare di un rinnovamento.
Il PdL all’anagrafe ha solo due anni. Politicamente tre, essendo il partito con cui Berlusconi ha vinto le elezioni nel 2008.
Ma al registro dei nuovi nati il Popolo della Libertà risulta per la prima volta il 29 marzo del 2009.
Due anni, appunto.
Due anni in cui ne sono successe di tutti i colori.
Dalla fuoriuscita di uno dei due soci fondatori (manco lo cito…), al cambio al vertice, dal triumvirato Bondi-Larussa-Verdini al segretariato unico targato Alfano; dalle vittorie alle elezioni regionali 2010 fino ad arrivare al buco nero delle amministrative del 2011, con i casi di Milano e Napoli in prima fila.
Due anni di scandali, di intercettazioni, di processi in tribunale ma anche di gogne mediatiche.
Due anni in cui il Popolo della Libertà, con i suoi eletti e i suoi elettori, si è sentito un pochino meno forte e anche meno orgoglioso rispetto al passato.

Due anni di muro del pianto che, oggi, però deve cessare di esistere.
Perché ce lo chiede il nostro elettorato e perché ce lo chiedono tutti quelli che ci credono.
E che forse ci credono più di prima.
Perché è vero, c’è ancora tanta gente che ha speranza. E io sono tra questi

Chiamateci idealisti.
Chiamateci eterni ottimisti.
Chiamateci Don Chisciotte.

Ma io faccio parte di quella generazione che non ha diritto al posto fisso, al reddito garantito.
Faccio parte di quella generazione che paga i contributi all’Inps anche se non é certa che a tempo debito la parola “pensioni” sarà nemmeno sul dizionario.
Faccio parte di quella generazione che per la prima volta nella storia del nostro Paese è più e meglio formata rispetto alla generazione precedente, ma che ha meno possibilità di trovar lavoro rispetto ai propri genitori.
Faccio parte di quella generazione che viene definita di “bamboccioni“, ma che sforna i migliori “cervelli in fuga”.
Di quella generazione che nonostante tutto è abituata a combattere e a dimostrare il proprio valore.
Figuriamoci se ci fermiamo di fronte a un “tanto ormai é tardi”.
La mia generazione agli ex amici detrattori risponde che “se è tardi, allora dobbiamo correre, correre più veloce e più convintamente di prima”.
Ed è esattamente quello che faremo.

Qui, oggi, non si celebra un funerale.
Se non quello del nostro legame con i pessimisti.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: