Archivi tag: primarie

Metti un lunedì di fine gennaio…

20120123-181400.jpg

Un lunedì importante.
O meglio, oggi é un lunedì che segue a un week end importante.
In primis perché il dibattito a livello nazionale si é concentrato sui contenuti del decreto Monti, quel famoso “Cresci, Italia” tanto atteso.

Come già detto, Catricalà aveva promesso che il 20 gennaio il Governo avrebbe presentato i contenuti del decreto e, infatti, così é stato.
Importante, dunque, perché, finalmente, dopo settimane di scioperi, di vesti stracciate, di minacce e quant’altro, finalmente tassisti, farmacisti e altri professionisti hanno qualcosa di concreto su cui basare la propria protesta, abbandonando di fatto la contestazione preventiva e a prescindere che ha dominato la piazza mediatica (ma non solo, vedi il Circo Massimo di Roma) dei giorni scorsi.
Con qualcosa di scritto, potranno capire se questo decreto ha realmente contenuti così punitivi sul fronte liberalizzazione e, quindi, scioperare di conseguenza.

Il secondo punto, a mio avviso importante, é dato dai due partiti che in questo week end hanno dato prova che la politica (propriamente intesa) non é del tutto sparita, anche in un frangente in cui la tecnocrazia sembra aver preso il sopravvento.
Parlo di politica territoriale, come quella “animata” dal PD attraverso le primarie che si sono svolte a Monza, e di politica glocale (globale ma anche fortemente locale), attivata dalla Lega Nord che ha dato vita a una manifestazione antiMonti a Milano in piazza Duomo.
Due momenti politici diversi, che al di là dell’aver incidentalmente avuto luogo nella stessa giornata -domenica 22 gennaio- hanno ben altro in comune.
Senza dubbio, la volontà di “contarsi“, cioè di comprendere la forza quantitativa dei propri “militanti” e afecionados, nonostante le temperature di questi giorni non siano proprio ideali per invogliare la gente a uscire di casa.
Un secondo elemento, é la voglia di “marcare” il territorio, cioè di farsi vedere attivi dal proprio elettorato: una sorta di dimostrazione che il partito non si é addormentato sugli scranni di Montecitorio, non si é preso una pausa e nemmeno si é concesso il lusso di una parentesi sonnacchiosa in cui delegare ad altri la gestione del potere.
In questo senso, credo che la vivacizzazione delle piazze sia stato un bene, per far comprendere come il tecnogoverno non sia realmente riuscito a esautorare del tutto la politica dal suo ruolo.

Evitando di entrare nei contenuti dei due eventi, mi limito a sottolineare come questo primo week end politico del 2012 sia stato, sostanzialmente, importante.

O meglio importante se inteso in termini preliminari, come un qualcosa che possa inaugurare una nuova stagione politica di confronto, di attivismo e di presenza.

Ma soprattutto, importante se da momenti come questi si riuscirà nell’arduissimo compito di far riavvicinare le persone alla politica, farle tornare a credere in qualcosa e soprattutto a riaccendere la voglia di partecipare.

Per far questo, credo che servirà ben più di una manifestazione di piazza.
Per il momento, però, teniamoci stretto questo bell’inizio.

Annunci

E se fosse Associazione Nazionale Ciarlatani d’Italia?

Quella che oggi pomeriggio fa sfoggio di se’ a Brindisi è purtroppo la parte peggiore della politica italiana.

Nel momento in cui l’Italia, tutta, chiede una ventata di freschezza, volti giovani e nuovi, risposte concrete alla crisi e alla depressione ( e purtroppo non solo quella psicologica), qui, alla XXVIII Assemblea Nazionale dell’Anci– l’associazione nazionale dei comuni d’Italia- si risponde, anzi, qualcuno risponde con i peggiori atteggiamenti da Prima Repubblica.

Questi i fatti: convocati i delegati da tutta Italia, in rappresentanza degli oltre 8000 comuni, alle ore 14, si presumeva che verso le 15.30 si potesse procedere con l’elezione del nuovo presidente, in quota Partito Democratico.
Si presumeva, appunto. La realtà dei fatti è, purtroppo, quella che segue:

Ore 13: il PD è diviso su due candidature: Delrio, sindaco di Reggio Emilia, e Emiliano, sindaco di Bari.
Ore 13.30: si iniziano a capire le motivazioni delle divisioni interne ai democrat di casa nostra: Delrio è troppo nordico. Anche qui si teme l’effetto sbilanciamento a favore del Nord, o ancor peggio quello”secessionista” e nessuno vorrebbe scatenare l’ira di Napolitano…
Ore 14.30: la “questione nordista” non trova soluzione… Meglio rifletterci di fronte a un piatto di orecchiette alle cime di rapa ( d’altronde, siamo in Puglia…vuoi non approfittarne???)
Ore 15.30: davanti a uno sgroppino, a qualcuno balena l’idea geniale salvaPD: “cosa facciamo di solito quando non riusciamo a metterci d’accordo?” e la risposta è sempre quella: LE PRIMARIE!
Ore 16.00: ok, è deciso! Si fanno le primarie interne per decidere chi è il candidato da presentare alle votazioni bipartisan ( eh si, perché all’elezione partecipa anche il PdL, che, nel frattempo, sta buono buono in sala… O in spiaggia… O al ristorante, in attesa che il PD smetta di fare guerra interna).
Ore 16.05: sorge il primo problema: ” ok alle primarie. Ma come votiamo? Per via nominale, voto segreto, alzata di mano, su base regionale, possono votare tutti, votano solo i delegati,può votare anche mio figlio che non è eletto ma è un sostenitore del PD ed è, incidentalmente, qui con me con venti suoi amici…?”

Ore 17.00: il PD decide che si voterà su foglietti di colore arancione. A Milano con Pisapia l’arancione ha portato bene.
Ore 17.03: i foglietti arancioni non bastano… “vanno bene anche quelli rosa” suggerisce Nichi Vendola, appena giunto all’Assemblea.
In contemporanea, in sala il PdL inizia a dare segni di nervosismo… Lotte intestine del genere non si vedevano dai congressi PSI degli anni Ottanta… E i nostalgici PdL ci rimangono male perché si sentono esclusi dalle trattative di corrente.
Ore 18.00: il PD decide di rifare tutto. Ma prima di ricominciare, pausa caffè. Anzi pausa Mostaccioli ( dolce tipico locale… D’altronde, siamo pur sempre in Puglia… )
Ore 18.15: in sala assembleare il PdL inizia, giustamente, a lagnarsi… Anche noi vogliamo i mustaccioli!!!! Nel frattempo, i nostalgici ex PSI del PdL , già con biscottino alle mandorle in mano, si apprestano a votare il candidato PD…non hanno saputo resistere alla tentazione!
Ore 19.00: la platea Pidiellina in sala, disperata, urla all’unisono: ” basta! Dateci un candidato qualunque! A sto punto vi votiamo pure Renzi” (nel frattempo,il sindaco di Firenze si allontana. Forse sta chiamando Arcore per chiedere la benedizione…)

Ore 19.33… Cioè, ora. Stiamo ancora aspettando di essere illuminati dal PD sulle scelte emerse dalle primarie.
Teoricamente, secondo il programma a quest’ora avremmo dovuto essere già tutti con le gambe sotto al tavolo per la cena conviviale, dopo aver sentito la relazione del nuovo presidente, di Osvaldo Napoli, del presidente del Senato Schifani, del presidente della Puglia Vendola e del Ministro Fitto.
Ovvio che dopo tutti i biscottini, nessuno abbia più fame.
Ma ancor più ovvio è che se questo è il centrosinistra e questi i suoi statisti, dobbiamo solo sperare che passino sempre il proprio tempo a decidere ( o non decidere) sul futuro dell’Anci, piuttosto che sul futuro del Paese.

Ps. Mi dicono che c’è un aggiornamento dell’ultimo secondo: alle ore 19.48 si scopre che dietro a tutto sto casino c’è lo zampino di D’Alema. Sarebbe stato lui, secondo fonti anonime, ad aver fatto sparire i foglietti rosa!

Per dovere di cronaca, aggiungo che alle 20.17 viene DEMOCRATICAMENTE eletto Graziano Delrio, sindaco di Reggio Emilia, a presidente dell’Anci.
Una votazione per la quale sono servite ben cinque ore di gestazione.
Speriamo che adesso non si metta a cantare il Va Pensiero…


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: